lunedì 16 febbraio 2009

Gradite un bignè?

Rieccomi, dopo un bel po' di giorni...

Lo so, ho trascurato il blog, però non mi sono mai dimenticata dei miei amici, di voi, dei miei condomini virtuali... ma lo sapete, perchè sono passata direttamente da voi, per un saluto, un abbraccio o semplicemente per leggere cosa combinate!

Cos'ho combinato in questi giorni? Ho realizzato alcune cose che mi erano state richieste e sono andata a riunioni scolastiche, per capire che succederà il prossimo anno... per iscrivere la più piccola in prima elementare, con molti dubbi e nessuna certezza!
Ho studiato una spilla, con tanto di modelli in carta, che spero di riuscire a realizzare appena sarò un po' più libera...
Ho realizzato un' altra spilla, che aspetta di essere rifinita... e che vi mostrerò nei prossimi giorni; e ho modellato questi ciondoli a pasticcino ( lo so è periodo di frittelle, ma non le vedo molto adatte ad una collana!!).





Ecco qua le collane con bignè, nei colori pastello rosa e lilla, decorate da un ciuffetto di panna montata, fragole e cioccolatini a forma di cuore... per inguaribili romantiche e per le amanti dello stile "kidult". Mi rendo conto che la domanda nasce spontanea: cos'è lo stile kidult? In poche parole è un genere di oggetti a tema infantile, ma per persone adulte... come dire "ma chi me lo fa fare di crescere, quando ci sono tante belle cose da bambina che mi vorrei mettere ancora?"
E' una domanda che mi faccio anche io qualche volta, quando vado cercare qualcosa per la mia bimba o per fare dei regalini alle sue amichette, anche se poi il più delle volte il buon senso mi riporta con i piedini a terra ( faccio notare che ho scritto "il più delle volte"... perchè non sempre ci riesco sinceramente!).

Comunque torno alle ultime collane che ho sfornato ( il termine è abbastanza appropriato visto che il Fimo necessita di cottura in forno!)... queste sono quelle con il bignè sui toni del rosa






E queste invece sono quelle con il pasticcino sui toni del lilla...





Ora non mi resta che invitarvi per un the, prometto che i pasticcini che vi servirò saranno assolutamente commestibili... forse, se non li cucinerò io!

Alla prossima!