lunedì 2 marzo 2015

Piccoli punti di grandi cuori

Sono affascinata dai punti di cuciture e ricami fatti a mano. Quando mi trovo davanti a una creazione handmade, che sia tra le mie mani o semplicemente in una fotografia, mi incanto a guardarli e sento che in ognuno di quei piccoli punti c'è un grande cuore.

Cucendo e ricamando a mano (in effetti i punti delle Girellone non so bene nemmeno io come inquadrarli) posso immaginare la persona che ha realizzato quella tale creazione, mentre lancia i suoi piccoli segni di filo. So che in quell'attimo c'è una silenziosa concentrazione, che la testa e gli occhi sanno il punto esatto in cui deve entrare l'ago e riuscirne. Il respiro è calmo, la mano è ferma.

So che per raggiungere una certa regolarità, ci sono volute ore di tentativi e prove; tutte abbiamo, con dispendio di tempo, capito quanto tendere il filo per raggiungere il risultato desiderato... la distanza tra un punto e l' altro, quale tipologia di filo scegliere, lo spessore, la brillantezza o opacità giuste.
Dettagli che sembrano affidati al caso, ma non lo sono.

In ogni punto che osservo, sento un amore infinito per quello che si sta facendo e so che questo è un valore aggiunto, che purtroppo a moltissime persone sfugge.


Spilla Percee; spilla Ladi Bì; decorazione Nanaif; portamonete Variousof

Potrà sembrare assurdo, ma provo veramente una gran tenerezza osservando questi lavori.


Decorazione Nanaif

Di Nanaif adoro il tratto vagamente irregolare, che aggiunge poetica alle sue creaturine. Non riuscirei a immaginarle con gittate di filo perfette; perderebbero il loro calore.


Lupetto Nanaif - work in progress

Allo stesso tempo, amo la matematica precisione di Lady Bì


Spilla Fenice Lady Bì - dettaglio 

Non posso che rimanere affascinata dall' attenzione messa nel fare questi punti. Immagino la grande concentrazione messa durante questa fase del lavoro.


Spilla Fenice Lady Bì

Per Percee vale lo stesso discorso che ho fatto precedentemente: la voluta irregolarità del tratto aggiunge poetica al lavoro. L'alternanza di punti senza fronzoli, dà all'insieme un effetto vagamente rustico e boho.


Spilla Percee

L'amore di questa artigiana traspare anche dal retro della spilla e dalla cura che ha avuto nel decorarlo.


Spilla Percee

Variousof applica il classico mezzo punto con disegni floreali (chi di noi non ha iniziato da piccola con questo tipo di ricamo?) a dettagli moderni.


Portamonete Variousof

Amo i leggerissimi rilievi dovuti al cambio di colore!
Anche Variousof dedica al retro del suo lavoro un' attenzione particolare, decorando il tessuto con piccoli punti contrastanti.


Portamonete Variousof

Guardando queste creazioni emerge un calore umano incomparabile; un calore che nessun ricamo fatto a macchina potrà mai dare.

Sempre più spesso alle mostre mercato mi capita di imbattermi in espositori che arrivano con la loro bella macchina da cucire collegata al pc; in cinque minuti di orologio ti "ricamano" un bavaglino facendo semplicemente clic sull'interruttore della macchina (nemmeno schiacciano più il pedale della macchina); questo non è artigianato, non è handmade o meglio ancora slow handmade. Non c'è cura e dedizione in questo tipo di produzione... è una versione casalinga di un prodotto industriale.
Non vedo amore in questo tipo di cose, se non quello per il guadagno easy. Ma la cosa che veramente mi rattrista è che molte, moltissime persone ci cascano con tutte le scarpe: non c'è più una vera cultura per le cose fatte a mano e con il cuore.

Davanti a una creazione fatta a mano, cerchiamo di vederne il lato umano che porta con se. Impariamo a dare il giusto valore alle cose che abbiamo davanti agli occhi! Non sono semplici oggetti: hanno vita.

Concludo con i siti di riferimento degli artigiani che ho citato:

Nanaif:

Lady Bì

Percee

Variousof

E i miei 


#slowhandmade 

lunedì 23 febbraio 2015

Purple rain

Nelle settimane scorse ho lavorato molto sul viola, uno dei miei colori preferiti.


Filo e Colori di Ila ECO-handmade  - Purple rain (nello shop)


Quando sono stata contatta per esporre le mie creazioni a sFIORANDO, una delle indicazioni che ho ricevuto è stata VIOLA a profusione e in più sfumature possibili; non è stata una richiesta difficile da soddisfare: sia tra i miei filati che tra t shirt e calze da recuperare il materiale non mi mancava.

Ecco quindi prendere vita i nuovi gioielli tessili GIRELLONE viola, come sempre in materiale recycle e rivalorizzato!

La collana sviluppata in verticale, con tre elementi in di grandezza decrescente.


Collana tessile recycle Tris GIRELLONE viola (shop)

Collana tessile recycle Tris GIRELLONE viola (shop)

Gli orecchini con pendente tondo e leggermente bombato, vistosi ma leggerissimi da indossare (un orecchino pesa 3 gr!)


Orecchini tessili recycle GIRELLONE viola  (shop)

Orecchini tessili recycle GIRELLONE viola  (shop)

La spilla (vedi anche il post precedente) che amo particolarmente perchè con tutti i suoi punti mi fa pensare a un cuore ricucito dai suoi dolori... e chi di noi non ha cuciture nel cuore?


Spilla cuore GIRELLONE viola recycle (shop)

L'anello, ora indossato con mia grande gioia da un'artista del riciclo. Si sa che quando a scegliere una tua creazione è qualcuno che ha le tue stesse convinzioni e svolge lo stesso tipo di ricerca, la soddisfazione è ancora più grande!


Anello tessile recycle GIRELLONE viola (sold)

Qualche difficoltà nel reperire materiale di recupero nei colori giusti l'ho invece avuta per realizzare le borse. Ma necessità aguzza l'ingegno e quindi appurato che tessuti viola sostenuti nei miei bauli, manco uno, ho deciso di tingere diversi tipi di jeans e successivamente di macchiarli ad arte con differenti tipi di acrilico.


Asciugatura dei jeans tinti e macchiati ad arte


Nasce così la tracolla da donna viola e prugna


Shoulder bag in jeand recycle e rivalorizzato viola (shop)


Shoulder bag in jeand recycle e rivalorizzato viola (shop)

Shoulder bag in jeand recycle e rivalorizzato viola (shop)

Dopo tanto viola sono ora passata alle varie tonalità di verde (questo sì è il mio colore preferito), al petrolio, agli azzurri con spruzzate di giallo... colori che mi fanno pensare all'estate, al mare e a certi cieli azzurrissimi che mi mancano decisamente!

Ognuno di noi ha un colore che sente particolarmente affine, anche se a periodi. Personalmente adopero e indosso un po' tutti i colori, ma quello che da un paio d'anni sento come "il mio colore" è decisamente il verde, da solo, abbinato, sfumato... insomma in ogni sua forma! 

Il tuo qual'è? Che significato gli attribuisici? Se hai voglia di scoprire che significato e potere hanno i colori, puoi leggere questa pagina veramente interessante.



venerdì 13 febbraio 2015

Sulle ali di un filo

Amo tutto quello che faccio.
In ogni tipo di lavorazione c'è qualcosa che mi fa stare bene mentalmente.

L'uncinetto è puro relax nella maniera più classica.

La creazione delle GIRELLONE invece è un viaggio personale, quasi una forma di meditazione; seguo il filo in una sorta di viaggio mentale. A volta ho in mente uno schema, che poi si libera in altre forme,


Girellona Mexico


altre volte parto da un punto e lascio che sia il colore a trasportarmi in figure e giri.


La primavera arriverà anche per le GIRELLONE


Lancio i punti, alternando distanze e tonalità. Adoro vederli dare vita al lavoro mano mano che proseguo: le loro piccole differenze di inclinazione, i punti di contatto, le lunghezze disuguali donano espressione e carattere al lavoro.

Devo dire che amo guardare questo aspetto anche nelle creazioni altrui. Potrebbe anche scapparmici un post prima o poi!



Girellone - work in progress


Seguo poche regole personali durante il processo creativo che riguardano l'alternanza di colore e di spessori: il resto lascio che vada da se. Assecondo il percorso.



Collare GIRELLONE Mexico


Anche l'aggiunta di perle, che ultimamente mi ha preso parecchio, è senza schemi e simmetrie. Quello che cerco di raggiungere con le GIRELLONE è una gioiosa armonia.

E visto che domani è la festa del LOVE per eccellenza (anche se continuo a credere che l'Amore andrebbe festeggiato e diffuso 365 giorni all'anno) non posso non lasciarti con questa spilla.


Spilla cuore viola GIRELLONE

Tu hai degli elementi del lavoro, creativo e non, che ami più di altri? O si equivalgono?
Pensi mai a questo aspetto nelle cose che stai facendo?

Sono convinta che in qualsiasi attività ci siano sfaccettature interessanti e da amare, solo che non sempre abbiamo la capacità di "ascoltarle".

Forse, come sempre, si tratta di passione!




POST IT

Lo so, diventerò noiosa, ma la mia amica Claudia di Formae mentis ha scritto un altro bellissimo post sullo slow handmade, che non posso non consigliarti di leggere, cliccando qua.

mercoledì 28 gennaio 2015

Un filo, due fili, tre fili...

Quando scelgo di lavorare con un materiale è perchè ne sono innamorata.
Manipolarlo e sentirlo tra le dita mi dà una sensazione di benessere; creare per me è entrare in una dimensione mentale benefica, non riuscirei a farlo con lo stesso trasporto con qualcosa di sgradito.

E' così anche per i filati; ho la fortuna di poter lavorare con materie di altissima qualità, provenienti per lo più dall'inutilizzato di un piccolo laboratorio di tessitura artigianale. Con mia gioia ricevo meravigliose rocche con una bassissima percentuale di sintetico, di svariate tonalità e tipologie.
Il più delle volte so a prima vista quali saranno i fili con cui giocherò e amoreggerò.

Il primo desiderio che ho davanti a un baule pieno di rocche di lana è di mescolarle e creare effetti di colore e superfici personalizzate; con l'uncinetto lavoro solo con punti base, semplicissimi e lineari (per lo più maglia bassa) perchè non amo l'effetto centrino della nonna nelle mie creazioni.
Preferisco caratterizzare le creazioni con il colore e, nel caso dei cappelli, le linee.


Lana, bouclè e seta per la sciarpa GREEN LIFE


Mi piace fare i gomitoli alla vecchia maniera: vederli crescere nelle mie mani e prendere corpo ad ogni aggiunta di filo.
Poi vuoi mettere la bellezza di un gomitolo tondo dall'aria retrò? Non c'è storia!

Nella foto qua sopra vedi la mescolanza che ho creato per la sciarpa unisex GREEN LIFE: ho unito un tubolare 80% lana verde scuro, un fantastico bouclè melange in 90% lana e un corposo filo di seta (100%) color rame. Da questa unione è nato un insieme che ricorda i colori del bosco in primo autunno. Lo adoro!

sciarpa unisex GREEN LIFE

La sciarpa risulta corposa ma morbida, calda e avvolgente.


sciarpa unisex GREEN LIFE

Casual ma preziosa.


sciarpa unisex GREEN LIFE - dettaglio

Con un dettaglio che amo tantissimo: le frange!


sciarpa unisex GREEN LIFE 

Penso che l'amore totale che molti creativi, artigiani, makers, crafter (scegliete voi il termine che trovate più calzante. Ultimamente faccio un po' fatica a collocarmi in una posizione esatta) mettono nella scelta dei materiali, nell'ideazione e produzione, sia il valore aggiunto più importante dell'handmade; una creazione fatta a mano avrà sempre un calore differente rispetto a un oggetto seriale e industriale.

A proposito di handmade e di "collocarzione" (in senso quasi ideologico) , ti invito a leggere un post scritto dalla mia amica Claudia di Formaementis ceramiche, che è riuscita a spiegare in modo perfetto un concetto sul quale ci troviamo spesso a discutere: come ci collochiamo? Come definire il nostro creare? Una sorta di... chi sono? Dove sto andando? Cosa sto handmadeizzando?
Dopo tanto parlare forse siamo riuscite a trovare un termine che ci identifichi e identifichi il lavoro di molti amici validi creativi. Vuoi scoprirlo? Ecco il post di Clà.

A presto!

mercoledì 21 gennaio 2015

Ti racconto sFIORANDO

Nei giorni scorsi da questo blog ho lanciato l'invito a sFIORANDO, l'evento pensato, partorito e accudito nel tempo da Vale della fioreria Altino a Padova.

sFIORANDO negli anni ha unito la voglia di far conoscere creativi, artisti e artigiani del territorio, incorporandoli in una scenografia floreale studiata ad hoc, il desiderio di intrecciare diverse realtà e personalità. Uno sFIORARSI di teste e cuori differenti.

Il 14 gennaio c'è stato il vernissage dello sFIORANDO dedicato a Filo e Colori di Ila.
Vale quando ha visto la mia produzione ha focalizzato una scenografia ambientata nel bosco di Cappuccetto Rosso, con tanto di lupi tra gli alberi.


Chi dice che il lupo non può indossare il cappuccio?
sFIORANDO last event

E merendine per la nonna che fuoriescono dalle borse...



Cascate di succulente fragole e ciliegie


sFIORANDO last event

sFIORANDO last event


Cappelli e micro borse diventano fronde e i bijoux frutti da cogliere


sFIORANDO last event
sFIORANDO last event

Bellissimi gli stralci della fiaba scritti a mano da Vale


sFIORANDO last event

Fiabe e fumetti si tengono per mano.

Il tutto in un azzeccatissimo allestimento, tra onirico e fantastico...


sFIORANDO last event

Io trovo che Vale abbia fatto una vetrina bellissima... e voi che ne pensate? 
Quali sono le vostre fiabe preferite? In quale vedreste ambientato il vostro lavoro e le vostre creazioni?


venerdì 16 gennaio 2015

Esperimenti mancini con l'uncinetto tunisino


Chi mi segue su Facebook sa che sono già due inverni che ho rispolverato l'uncinetto. 
Agli esordi, si parla praticamente della mia era protozoica,  ho adoperato questa tecnica per collane e pupazzi (quasi degli amigurumi, ma come sempre molto personalizzati) per poi passare a cappelli, sciarpe e colli vari, nell'ultimo periodo.

Dell'uncinetto amo tante cose: fare amicizia con i filati differenti, osservandoli, facendoli scorrere tra le dita durante la lavorazione, studiandone la composizione; il poter giocare con effetti cromatici e di spessore, mescolare le varie fibre e non ultimo, il potere rilassante che mi infonde mentre lavoro.

La mia preferenza va a punti base, molto lisci; ho sempre l'impressione che punti più elaborati e fiorellosi, diano un effetto centrino che non riesco proprio ad apprezzare nei miei progetti.
Allo stesso tempo sono affascinata dalle varie tecniche crochet, che da mancina, affronto con una certa fatica iniziale ma che poi, a volte, riesco a fare mie, sempre e solo con i punti basic;  così è stato anche per l'uncinetto tunisino.
All'inizio una fatica boia, punti estremamente irregolari... pasticci orribili, un groviglio mentale e di punti, il lungo uncinetto che mi scappava da tutte le parti! Poi finalmente...


scaldacollo con bottoni vintage in legno serie Green Life


Sono innamorata dell'effetto cromatico ottenuto con questo tipo di lavorazione; mi fa pensare ai primissimi maglioni Missoni, quando giocava con cromie e punti maglia.


scaldacollo con bottoni vintage in legno serie Green Life

A differenza della consueta lavorazione all'uncinetto, si ottiene quasi un tessuto, molto corposo e solido, forse leggermente meno elastico.

La mia scelta è caduta sulla lavorazione con due filati differenti: una fantastica lana verde salvia, proveniente da un laboratorio di tessitura a mano, che ho inspessito mettendo insieme più matasse e un coloratissimo filo in gradazione in un misto lana e viscosa.


scaldacollo con bottoni vintage in legno serie Green Life


Il collo è estremamente versatile: a seconda di come lo abbottoni cambia completamente di vestibilità, arrivando a diventare un coprispalle.


scaldacollo con bottoni vintage in legno serie Green Life



scaldacollo con bottoni vintage in legno serie Green Life


L'effetto finale, anche grazie ai bottoni vintage in legno, è gradevolmente rustico e casual; lo scaldacollo, grazie alle infinite tonalità e sfumature è indossabile con un'infinità di capi, ma credo che la morte sua sia con i jeans e un maglioncino in tinta unita dalle linee pulite e essenziali.


scaldacollo con bottoni vintage in legno serie Green Life


Credo che con qualsiasi tecnica, dai metalli al cucito, dal ricamo al riciclo, dalle paste polimeriche al legno e via dicendo (l'artigianato offre veramente un'infinità di tecniche meravigliose) sia sempre interessante evolvere, studiare, provare e sperimentare cose nuove. Magari non sempre porteranno a uno sviluppo interessante, però ci aiuteranno a creare un bagaglio formativo, che prima o poi in un modo o nell'altro influenzerà altre nostre creazioni future.

Che ne dite? E voi che esperimenti avete fatto negli ultimi tempi? 



sabato 10 gennaio 2015

Invito a sFIORANDO

sFIORANDO - Fioreria Altino Padova

Ti aspetto mercoledì 14 gennaio 2014 dalle 19:30 al vernissage della mostra sFIORANDO, presso la fioreria Altino in Via Altinate 80 a Padova.
L'opportunità per un incontro con il mio mondo, le mie creazioni, per chiacchierare insieme e scoprire qualcosa di più sulle mie ispirazioni e motivazioni.
Passeremo insieme qualche ora dialogando in totale relax, ospitati dalla fantastica Vale nella sua fioreria.

Allora ci vediamo?

LOVE

martedì 23 dicembre 2014

I miei Auguri



Questi sono i miei Auguri per te che segui e apprezzi le mie idee e proposte:

Buon Natale e un 2015 all'insegna dell'Amore, del sorriso e delle cose belle.

Per gli Amici Creativi:

Buon Natale e che il prossimo anno sia smagliante a livello creativo e pieno di soddisfazione personale. Non smettiamo mai di sognare e di divulgare il verbo dell' handmade di qualità: le cose belle, fatte con Passione hanno una marcia in più. E' un messaggio a volte difficile da far capire, ma think pink: possiamo farcela!

A tutti L O V E sempre !!!!