lunedì 8 aprile 2013

Perchè parlare tanto di handmade?

Qualcuno, passando di qua e percorrendo i vari post, si starà chiedendo perchè metto tante energie e interesse a mostrare e parlare di handmade.
La prima e più ovvia risposta è che sono ovviamente direttamente coinvolta.
La seconda (terza, quarta quinta, fino all'infinito e oltre) è che nel nostro paese, non c'è ancora una vera cultura/movimento in questo senso, contrariamente a quanto succede altrove, nel mondo.
Parlarne quindi, spiegare e illustrare il mio lavoro e quello di altri creativi, artisti, artigiani, makers e designer, credo che possa aiutare la diffusione di una cosa in cui credo.

Scegliere handmade, fa parte di uno stile di vita differente. Ho avuto la fortuna, fin da piccola, di essere educata in questo senso da mia madre, che sì, ovviamente prendeva giochi "classici", ma allo stesso tempo mi portava a comprare burattini fatti a mano e poi mi lasciava farne di nuovi, sperimentando vari materiali. O  faceva lei stessa meravigliosi pupazzi con la carta crespata o altri giochi incredibili, con scatoloni, scatoline e montagne di fantasia.
Quindi penso che sia interessante stimolare il pensiero della gente, com'è stato fatto con me e come io sto facendo con i miei figli.

Siamo stati inglobati in una cultura da 3 x 2, che ovviamente è un'offerta allettante per chiunque, ma ha portato a un consumo sfrenato, a livello industriale, quindi di risorse, energie e alla fine di impatto ambientale. Siamo saturi di oggetti tutti uguali, la maggior parte della gente per la strada è vestita e acconciata in modo simile: l'omologazione forse rassicura, fa sentire di essere parte di una massa. Ma non siamo forse esseri diversi? Con caratteri e connotazioni differenti? 
La pubblicità, i canoni imposti dalla moda, dall'industria, pubblicità e televisione hanno appiattito terribilmente le nostre scelte e modo di vivere.

Ora è il momento di tornare a fare un passo indietro e rivolgersi a prodotti differenti.

Scegliere un prodotto handmade non significa spendere meno: l'handmade ovviamente ha un costo differente rispetto a un oggetto realizzato in fabbrica. Richiede passione, energia, dedizione... a partire dal disegno iniziale e a finire con la creazione finita. Ma queste sono tutti elementi che aggiungono valore a un vaso, un bijoux, un vestito, un sapone o qualsiasi altro oggetto fatto a mano.

Per me sapere che dietro al bellissimo vestito verde, che uso in estate, c'è una ragazza piena di idee e energia, è qualcosa di speciale. Ovviamente l'ho pagato un po' di più del vestitino all'Oviesse (poco di più nel vero senso della parola) ma preferisco spendere meglio per una sola cosa, piuttosto che male per una collezione di t shirt, che poi vedrò in giro a mezzo mondo: vuoi mettere sapere che sarò l'unica a indossare quell'abito?

Idem per il sapone fatto a mano, con ingredienti selezionati e sopratutto tanta tanta passione, cura e studio


SapoSapo  -  http://on.fb.me/10xO08Y

Ancora una volta, lo pagherò leggermente di più rispetto al sapone solido del super mercato, ma la qualità del prodotto è inparagonabile e impagabile è pensare a SapoSapo Roberta, ogni volta che uso un suo prodotto... immaginarla all'opera e poter parlare con lei quando ho bisogno di delucidazioni (provate a scrivere alla Palmolive per sapere che ingrediente è quello scritto sull'incarto!)

In altri paesi, i giovani sono già appassionati e preparati in questo senso; forse c'è un vero movimento culturale che da noi manca, ma che spero vivamente prenda piede. 
L'artigianato in Italia era un'eccellenza e dovremmo cercare di ridargli lustro...  le mani sapienti erano apprezzate ovunque; spero che parlarne, a costo di diventare ripetitiva, porti a un risveglio in questo senso.

Da qui la scelta di mostrarvi una volta alla settimana cosa fanno altre mani, collegate e a belle teste e cuori pulsanti, come quella di L' Officina


L'Officina  -  http://etsy.me/Z2XOYE

che con la ceramica produce cose fantastiche.

Altro cuore e testa,  sempre nell'ambito della ceramica


ConCreta  -  http://etsy.me/Z2Yi0T

quello di ConCreta, di cui amo i colori brillanti e solari.

Rimanendo in tema di colore, non posso non mostrarvi i mosaici di La Tenaglia Impazzita


La Tenaglia Impazzita  -  http://etsy.me/Z2YHR1

anche in questo caso un'arte antica, da rimettere in luce.

Tutte le creazioni di questo post sono tratte dal servizio "Risveglio dei sensi" del magazine Idee in Azione. Sfogliatelo per scoprire quante personalità differenti ci sono nell'artigianato italiano... quanta varietà creativa è possibile trovare e per cominciare a conoscere un pianeta estremamente interessante!

Questa volta vi siete beccati un pippone colossale... prometto che il prossimo post sarà più indolore (forse, non fidatevi troppo di me!)

Alla prossima!